Rottami ferrosi e non ferrosi, la differenza

Scritta il 20/06/2022
Questo sito utilizza cookies. Per saperne di più: Privacy Policy

Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser

Rottami ferrosi e non ferrosi, la differenza

Nella categoria dei rifiuti metallici figurano i materiali ferrosi e i materiali non ferrosi. Si tratta di due tipologie di rottami che differiscono tra loro per numerose caratteristiche e che è necessario distinguere con cura prima di sottoporli ai trattamenti di recupero e riciclo.

Rottami ferrosi e rottami non ferrosi: qual è la differenza 

Il successo dei processi di recupero e riciclo - molto preziosi per la salvaguardia dell’ambiente - dipende dalla capacità di distinguere tra loro rottami ferrosi e rottami non ferrosi. Essi, pur appartenendo alla medesima categoria di rifiuti metallici e provenendo entrambi dagli scarti delle produzioni industriali, possiedono caratteristiche funzionali e tecnologiche differenti.

I rottami ferrosi includono scarti in acciaio dolce, in acciaio al carbonio, in acciaio inossidabile, in ghisa e in ferro battuto. Si tratta di materie prime particolarmente resistenti e durevoli nel tempo che trovano applicazione in una molteplicità di settori: edile, automotive, trasporti, prodotti hardware. Questi sono tra i materiali più riciclati in assoluto, poiché recuperabili nella loro totalità e all’infinito. Mantengono intatte le loro caratteristiche naturali e possono essere sottoposti ad appositi processi di riciclo che consentono di creare la materia prima necessaria alla produzione di nuovi oggetti ferrosi.

I rottami non ferrosi includono, invece, scarti in alluminio, ottone, rame, nichel, stagno, piombo, zinco, oro e argento. Sono materie prime altamente malleabili utilizzate principalmente per la loro forza, non contenendo ferro e hanno una maggiore resistenza alla ruggine e alla corrosione. Nello specifico, l’alluminio è il terzo materiale più riciclato al mondo. Per quanto riguarda, invece, il rame, l’ottone e il piombo, trattandosi di materie prime molto scarse, numerosi sono coloro che si affidano al riciclaggio per creare nuovi materiali.

contattaci!

Sei alla ricerca di un’azienda specializzata nel settore del trattamento di rottami ferrosi e non ferrosi? Restiamo in contatto 

Se non sai a chi affidare il ritiro, il recupero e il riciclo dei tuoi rottami ferrosi e non ferrosi, Argo Metal è pronta a darti prova dell’esperienza decennale maturata nel settore. La conoscenza delle materie prime e delle tecniche più adeguate al loro trattamento consente allo staff Argo Metal di offrire al cliente un servizio professionale e personalizzabile sulla base delle proprie esigenze.

contattaci!

Scritta il 20/06/2022